martedì 9 settembre 2014

Lemon Pull Apart Bread

 

DSC_0045 (2)

DSC_0051 (2)

DSC_0039 (2)

DSC_0046 (2)

 

Ecco un’altra ricetta di Pull Apart Bread. Le altre ricette di Pull Apart Bread e cioè Pepperoni Pizza Pull Apart Bread e Pull Apart bread, le trovate qui e qui. Questa volta si tratta di un Lemon Pull Apart Bread, e cioè di un pan brioche al limone, glassato con una ghiaccia al limone e reso morbido tra una sfoglia e l’altra dal burro e da un composto formato da zucchero e buccia di limone grattugiata. Una vera delizia, tanto che è stata letteralmente divorata in un batter d’occhio e che ho trovato su questo sito americano: BarbaraBakes. Se volete provarlo e ve lo consiglio davvero, ecco la ricetta tradotta per voi:

INGREDIENTI PER L’IMPASTO:

  • 340 g di farina “00”
  • 55 g di zucchero semolato
  • 8 g di lievito di birra disidratato
  • 1/2 cucchiaino da tea di sale fino
  • 125 ml di latte
  • 60 g di burro
  • 1 cucchiaino e mezzo di puro estratto di vaniglia
  • 2 uova grandi freschissime a temperatura ambiente

PER LA FARCIA AL LIMONE BURRO E ZUCCHERO:

  • 110 g di zucchero semolato
  • la buccia finemente grattugiata di 2 limoni grandi o di 4 piccoli
  • 60 g di burro molto morbido, ma non liquefatto

PER LA GHIACCIA AL LIMONE:

  • 200 g di zucchero a velo
  • 5 cucchiaini da tea di succo di limone

PROCEDIMENTO:

  1. Nella ciotola dell’ impastatrice munita di gancio a foglia, versate quasi tutta la farina, lo zucchero e il sale.
  2. Dividete il latte in due differenti contenitori, intiepiditelo e in uno versate il lievito per farlo rinvenire e nell’ altro il burro in modo che si ammorbidisca ma che non sia completamente liquefatto. Se usate un lievito che può essere aggiunto direttamente all’impasto, aggiungetelo al punto 1 e usate tutto il latte per ammorbidire il burro. Io ho dovuto adattare e modificare la ricetta per via del lievito che ho usato.
  3. Aggiungete il latte con il burro e quello con il lievito alla farina, aggiungete l’estratto di vaniglia. Mescolate a velocità minima. Aggiungete le uova, una alla volta. Mescolate ancora per 3 minuti a velocità media.
  4. Sostituite il gancio a foglia con il gancio impastatore o a spirale, impastate aggiungendo poco per volta la farina rimanente in modo da ottenere un impasto soffice. Aggiungete o diminuite la quantità di farina se vi sembra che la consistenza non sia quella desiderata. Impastate per 5 minuti. Mettete l’impasto in una terrina leggermente unta d’olio, giratelo per ungerlo anche sulla superficie. Sigillate la terrina con pellicola trasparente da cucina, coprite anche con un canovaccio. Lasciate lievitare in un luogo tiepido al riparo da correnti d’aria per circa 1 ora e mezza-2 ore.
  5. Mentre l’impasto lievita, preparate la farcia: in una ciotola mischiate assieme la buccia grattugiata del limone e lo zucchero, coprite e tenete da parte.
  6. Una volta lievitato, rovesciate l’impasto su una superficie infarinata, schiacciatelo e stendetelo con un matterello cercando di formare un rettangolo di 50x30 cm. Distribuite il burro ammorbidito con una spatola o con un pennello su tutta la superficie del rettangolo. Tagliate il rettangolo in 5 strisce di circa 30x10 cm.
  7. Distribuite ora circa 1 cucchiaio da tavola e mezzo di composto di zucchero e limone sulla superficie della prima striscia, sovrapponete la seconda e fate lo stesso lavoro, e così via con le altre strisce.

   8.Tagliate le strisce così sovrapposte in altrettanti rettangoli ( ognuno dovrebbe essere di circa 10x5 cm) Trasferite i rettangoli in uno stampo da plum cake antiaderente, non preoccupatevi se non occuperanno tutta la teglia, cresceranno in lievitazione e poi durante la cottura così da riempire tutto lo spazio. Coprite il pane con pellicola senza sigillarlo, coprite anche con un canovaccio. Mettetelo a lievitare in un luogo tiepido al riparo da correnti d’aria per circa 30-50 minuti o fino a che non sia raddoppiato di volume. L’impasto è ben lievitato quando se pressato con un dito ne mantiene l’impronta.

9. Infornate in forno preriscaldato a 180°C per circa 30-35 minuti nella parte media del forno. Se il pane dovesse scurire troppo in fretta copritelo con un foglio di carta alluminio, io ho coperto il mio dopo i primi 10 minuti di cottura, sformatelo quando diventa dorato in superficie. Trasferite lo stampo su una gratella e lasciatelo intiepidire per 10-15 minuti.

10. Mentre il pane raffredda preparate la glassa, mischiate lo zucchero a velo con il succo di limone filtrato fino ad ottenere una glassa liscia un po’ consistente.

11. Sformate il pane delicatamente e mettetelo su una gratella, mettete la glassa in una sac-a-poche munita di beccuccio tondo piccolo e distribuitela sul pane come da foto. Servite il pane caldo o a temperatura ambiente. Se il pane avanza, conservatelo sigillato con pellicola da cucina per conservarne la fragranza e la morbidezza. Buon appetito!

Annalisa

martedì 2 settembre 2014

Baci Tricolore Salati

 

DSC_0018 (2)

DSC_0017

DSC_0022 (2)

 

La ricetta di questi baci tricolore salati, l’ho presa dal sito Paneangeli. Si tratta di un impasto a base di pesto di rucola che racchiude un delizioso ripieno di formaggio Philadelphia ed erba cipollina. Dopo aver provato la versione originale e cioè quella con pesto di rucola, ho creato la variante con pesto al basilico…deliziose e saporite tutte e due! Perfetti come antipasto per aprire una cena in giardino, oppure ideali per un goloso spuntino. Se volete provare questi deliziosi baci vi occorrerà:

INGREDIENTI:

Per l’impasto:

  • 75 g di rucola mondata oppure 75 g di basilico per la versione al basilico
  • 140 ml di olio extravergine d’oliva
  • 250 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
  • 90 g di parmigiano reggiano, oppure 45 g parmigiano e 45 g di pecorino
  • 3 uova freschissime
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 macinata di pepe nero
  • 50 ml di latte
  • 360 g di farina “00”
  • 1 bustina di Lievito Pizzaiolo Paneangeli

Per la farcitura:

  • 1 mazzo piccolo di erba cipollina
  • 500 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
  • pomodorini ciliegia oppure dei pomodori piccoli

PREPARAZIONE:

  1. Usando un mixer da cucina, frullare la rucola o il basilico con l’olio. Se avete fretta e volete saltare questo passaggio potete usare del pesto di rucola o di basilico già pronto.
  2. In una terrina sbattete a crema il formaggio spalmabile con il parmigiano (oppure metà parmigiano e metà pecorino), aggiungere un uovo alla volta, sale, pepe e il latte.
  3. Setacciarvi sopra la farina e, per ultimo, il lievito Pizzaiolo aggiungendo a piccole dosi la rucola frullata o il basilico.
  4. Incorporare delicatamente il tutto con una frusta a mano.
  5. Su un foglio di carta da forno, disegnare con una matita 44 dischetti (non troppo vicini) del diametro di 3,5 cm circa e disporlo sulla leccarda del forno con la parte disegnata rivolta verso la lastra.
  6. Con una sac-a-poche munita di bocchetta liscia, e metà della pasta, formare 44 mucchietti di pasta grandi quanto i dischetti disegnati.
  7. Cuocere per 12-14 minuti nella parte media del forno preriscaldato ( elettrico 180°C; ventilato 170°C; a gas nella parte media: 190°C).
  8. Ripetere l’operazione con la pasta rimasta.
  9. Tritate il mazzetto di erba cipollina serbando alcuni fili per la decorazione.
  10. Per la farcitura lavorare a crema il formaggio spalmabile e aggiungere l’erba cipollina.
  11. Con una sac-a poche munita di bocchetta a stella aperta farcire metà dei baci, sovrapporre l’altra metà, disporre i baci così composti in pirottini di carta e decorare la superficie con un ciuffo di crema.
  12. Terminare la decorazione con i pomodorini tagliati a metà o a spicchi e l’erba cipollina. Buon appetito!

Annalisa

mercoledì 27 agosto 2014

La mia salsa di pomodori freschi

 

DSC_0085

L’ estate per me è stagione di conserve, e siccome il mio orto anche quest’ anno è stato particolarmente generoso, ho potuto mettere sotto vetro i frutti del raccolto. Questa volta è toccato ai saporiti e sugosi pomodori essere trasformati in salsa e finire in barattolo, pronti per essere consumati nelle fredde giornate invernali. Per la preparazione e la conservazione della salsa vi rimando a questo post, e a quanti di voi si vorranno cimentare auguro buon lavoro e buon appetito!

DSC_0078

Annalisa

giovedì 21 agosto 2014

Pasta da pane e pizzette fritte

 

DSC_0518

DSC_0514 (2)

 

Se la voglia di accendere il forno in questi giorni di caldo torrido ( almeno per noi isolani) è veramente poca se non inesistente, ecco una valida e deliziosa alternativa Sorriso  Delle deliziose pizzette e pasta da pane fritte, anziché essere infornate. La pasta da pane sarà deliziosa servita con salumi o con gli antipasti, e le pizzette ottime per una sostanziosa merenda! Io ho fatto un impasto unico e ne ho utilizzato una parte per le pizzette e una parte per la pasta da pane fritta. Il procedimento della ricetta è a mano, naturalmente si può usare tranquillamente l’impastatrice. Se volete cimentarvi in questa deliziosa ricetta vi occorrerà:

INGREDIENTI:

  • 1,500 g di farina “00”
  • 1 cucchiaio da tavola di sale
  • 2 cucchiai da tavola di olio extravergine d’oliva
  • 900 ml circa di acqua tiepida
  • 25 g di lievito di birra fresco o 1 cucchiaio da tavola di lievito di birra disidratato

PROCEDIMENTO:

  1. In una larga terrina setacciate la farina, aggiungete il sale.
  2. Sciogliete il lievito in 800 ml di acqua tiepida presa dal totale di quella occorrente, unite anche l’olio.
  3. Cominciate ad impastare unendo poco per volta l’acqua con il lievito alla farina, una volta aggiunta tutta l’acqua valutate se aggiungere anche gli altri 100 ml.
  4. Rovesciate l’impasto su un piano di lavoro infarinato e lavoratelo energicamente per almeno 10 minuti fino ad ottenere un impasto liscio.
  5. Rimettetelo nella terrina pulita e infarinata, sigillatela con della pellicola trasparente da cucina e lasciate lievitare da 1 ora e mezza a 2 ore e mezza.Per verificare se la pasta è ben lievitata,premetevi sopra un dito: è pronta se il segno scompare lentamente.
  6. Per il pane: stendete la pasta in una sfoglia alta mezzo centimetro e con una rotella dentellata o liscia tagliatela in tanti rettangoli o rombi. Friggete la pasta in abbondante olio di semi ben caldo per alcuni minuti per parte. Passateli su carta assorbente da cucina e serviteli ben caldi salandoli in superficie.
  7. Per le pizzette: dividete la pasta in tante palline di circa 100 g l’una, con le mani allargatele in modo da creare un incavo al centro e lasciare tutto attorno un bordo alto. Lasciate riposare le pizzette coperte per una decina di minuti. Friggete come sopra, quindi disponete le pizzette su una teglia rivestita di carta forno, distribuiteci sopra del sugo di pomodoro, della mozzarella tagliata a dadini e se volete dell’origano. Passate le pizzette per 5 minuti sotto il grill del forno in modo che la mozzarella si fonda. Naturalmente le dosi degli ingredienti possono essere dimezzate secondo le proprie esigenze, e si può omettere l’olio nell’impasto. Buon appetito!
  8. DSC_0508 (2)

DSC_0523

Annalisa

martedì 12 agosto 2014

Faux Ice-Cream Cupcakes

 

DSC_0009

DSC_0005

Ho voluto chiudere una cena tra amici con queste deliziose cupcakes. Il titolo significa esattamente “finto gelato”, ed è questo quello che ho voluto riprodurre. Il delicato cuore di fudge al cioccolato fondente e il fresco topping di panna aromatizzata al caffè infatti non avevano nulla da invidiare ad un gelato vero e proprio. La ricetta la trovate in questo post, il mio consiglio è di mettere le cupcakes in frigorifero almeno per 1 ora prima di servirle. Per la decorazione ho usato una sac-a-poche munita di beccuccio a stella aperta, ho fatto colare il fudge sopra e ho finito con delle praline al cioccolato. Infine auguro a tutti voi buone vacanze, vi lascio una foto della “mia” spiaggia che ho la fortuna di avere sotto casa! Buon appetito e buone vacanze a tutti!

P1000829 

Annalisa

martedì 5 agosto 2014

Pull Apart Bread

 

DSC_0615

DSC_0617

 

Dopo il successo del “ Pepperoni pizza pull apart bread”, ho pensato “provaci ancora Annalisa!”. Così, eccomi qua con questa versione dei panini all’ olio di Vittorio di Vivalafocaccia. Dopo aver fatto lievitare l’impasto, stendetelo in una sfoglia dalla forma rettangolare alta circa 1 cm, spennellatelo leggermente di olio d’oliva e dividetelo in 4 strisce di uguale misura. Sovrapponete le strisce e dividetele in rettangoli per il senso della larghezza, sistematele in uno stampo per plumcake e lasciatele lievitare per almeno un’altra mezz’ora o fino al raddoppio del volume. Infornate nel forno preriscaldato a 220-230°C per circa 30 minuti, sfornate il pane, sformatelo e fatelo raffreddare su una gratella. Se durante la cottura il pane dovesse colorire troppo in superficie, copritelo con un foglio di carta alluminio. Se volete vedere i miei panini all’olio, li trovate in questo post. La ricetta dell’ impasto la trovate qua. Un’ ultima cosa prima di lasciarvi, so che molti di voi stanno per partire per le vacanze, e io approfitto di questo blog per raccomandare a tutti di non abbandonare i nostri amici, chi ama gli animali come me sa cosa intendo, loro non chiedono niente in cambio dell’ immenso amore che ci danno. Vi lascio la foto di Pimpa, l’ ultima arrivata nella nostra famiglia, abbandonata 2 anni fa lungo la strada di casa mia, se ne stava in un angolino con discrezione e dignità, forse sperando che qualcuno si accorgesse di lei. Vi salutano anche Chocolate e Milky due dei miei 4 adorati mici e… Buon appetito!

DSCN1346

DSC_0362

DSC_0386

Annalisa

martedì 29 luglio 2014

Pepperoni Pizza Pull Apart Bread

 

DSC_0625

DSC_0634

DSC_0637

 

Metti una sera a “spasso” per il web, vedi una ricetta e te ne “innamori”, aspetti l’occasione giusta e intanto ci pensi… Metti una sera, magari piovosa davanti alla tv, a guardare tutti assieme quel film giallo mozzafiato davanti a una fragrante “ pepperoni pizza pull apart bread”. Un nome quasi intraducibile in italiano (pull apart significherebbe letteralmente “disassemblare, smontare”), ma che rende perfettamente l’idea di quanto sia soffice questa pizza-pane al salame piccante ( “pepperoni” è infatti una variante americana del salume), la quale appunto si “sfoglia” con le mani senza doverla tagliare. 

La ricetta l’ho trovata su questo bel blog americano “ Just a Taste”, o meglio la ricetta dell’impasto è mia, da qua ho preso il modo di assemblarla. Voi potrete usare il vostro impasto preferito, e vi occorrerà uno stampo con rivestimento antiaderente per plum cake. Se volete provare questa delizia ecco la ricetta:

INGREDIENTI PER L’IMPASTO:

  • 500 g di farina “0”
  • 250 g di acqua tiepida
  • 2 cucchiai da tavola di olio extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino da tea di lievito di birra disidratato- 5 g circa o 10 g fresco
  • 10 g di sale

PER CONDIRE:

  • sugo o passata di pomodoro molto concentrato, non deve essere acquoso q b
  • salame piccante q b
  • 125 g di mozzarella lasciata sgocciolare bene
  • origano
  • sale
  • olio extravergine d’oliva

PROCEDIMENTO:

  1. Nella ciotola dell’impastatrice mettete l’acqua tiepida, aggiungete il lievito e lasciate che si riattivi. Se usate quello fresco saltate questo passaggio.
  2. Aggiungete l’olio e metà della farina occorrente, e incominciate a impastare. Una volta che la farina è stata assorbita e si è formata una specie di pastella, aggiungete il sale.
  3. Continuate a lavorare aggiungendo poco alla volta tutta la farina, una volta finita la farina continuate a impastare per 10 minuti fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.
  4. Mettete l’impasto a lievitare dentro una terrina leggermente unta d’olio, e sigillatela con pellicola trasparente da cucina. Lasciate lievitare per 1 ora e mezza o fino a che l’impasto non sia raddoppiato di volume.
  5. Nel frattempo preparate il condimento, mettete il sugo o la passata in una ciotola, aggiungete un filo d’olio extravergine d’oliva e il sale. Mettete a sgocciolare la mozzarella, fuori dal frigorifero in modo che al momento di usarla non sia troppo fredda, tagliatela a fettine sottili. Tagliate anche il salame a fettine sottili.
  6. Una volta lievitato rovesciate l’impasto sul piano di lavoro, stendetelo con il matterello, cercate di dargli la forma di un rettangolo. Distribuite il sugo precedentemente preparato sul rettangolo di pasta, sistemateci sopra il salame e le fettine di mozzarella a file regolari, aggiungete l’origano. Dividete ora il rettangolo in diverse strisce di uguale larghezza, sovrapponetele e dividetele a loro volta in tanti rettangoli, che siano uguali o leggermente inferiori all’altezza dello stampo.
  7. Posizionate i rettangoli nello stampo, gli uni a fianco agli altri in modo da riempire tutto lo spazio. Coprite e lasciate lievitare per 30 minuti o fino al raddoppio.
  8. Accendete il forno a 180°C e infornate il pepperoni pizza pull apart bread per 35- 40 minuti, il mio forse l’ho lasciato un po’ troppo e ho bruciacchiato la superficie. A questo inconveniente si può ovviare mettendo un foglio di carta alluminio sopra il pane dopo i primi 15-20 minuti di cottura. Servite la pizza-pane calda appena fuori dal forno o anche tiepida, sformandola su una gratella.
  9. Spero di essere stata chiara con le spiegazioni di “assemblaggio”, ad ogni modo per le foto passo-passo andate qui. Buonissimo appetito!

Annalisa

martedì 22 luglio 2014

Cheesecake coperta panna e frutta

 

DSC_0597

DSC_0585

DSC_0604

 

Questa cheesecake sarà perfetta per chiudere una cena estiva o per una merenda in giardino. Quando ho visto la ricetta sulla rivista “Più Dolci” del mese di aprile 2014 me ne sono subito innamorata. Visto il periodo la ricetta originale prevedeva l’uso di pesche sciroppate, io le ho sostituite con delle succose pesche fresche. Per fare questa delizia vi occorrerà:

INGREDIENTI PER LA PASTA BISCOTTO:

  • 6 uova intere freschissime
  • 200 g di zucchero semolato
  • 120 g di farina “00”
  • 60 g di fecola di patate
  • 1 limone la buccia grattugiata

PER LA FARCIA:

  • 250 g di pesche sciroppate io ho usato quelle fresche
  • 250 g di panna
  • 250 g di ricotta vaccina
  • 14 g di colla di pesce
  • 4 cucchiai di liquore all’arancia
  • 100 g di zucchero a velo

DECORAZIONE:

  • zucchero a velo vanigliato
  • frutta fresca mista

PREPARAZIONE

PASTA BISCOTTO:

  1. Montate a nastro le uova con lo zucchero e aromatizzate con la buccia grattugiata del limone. Unite le farine setacciate. Mescolate bene e versate il composto in due placche quadrate di 35x35 cm, foderate con carta forno. Livellate la superficie e infornate a 180°C ( forno preriscaldato) per 12-14 minuti. Sformate le paste su due canovacci leggermente cosparsi di zucchero semolato.
  2. Dalla pasta ricavate due dischi dal diametro di 24-25 cm. Sistemate un disco di pasta su un piatto da torta.

FARCIA:

  1. Sbattete la ricotta con lo zucchero a velo. Frullate le pesche. Ammollate la colla di pesce in acqua fredda, strizzatela e scioglietela nel liquore caldissimo prima di incorporarla al frullato miscelando. Versate il frullato nella ricotta e mescolate per amalgamare. Aspettate 15 minuti, poi montate la panna e incorporatela al composto di ricotta.
  2. Sistemate un cerchi mobile per torte attorno al disco di pasta biscotto sul piatto da torta, versateci dentro il composto di ricotta e panna, livellate bene la superficie e sovrapponete il secondo disco di pasta biscotto. Ponete il dolce in frigorifero a rassodare per 6 ore.

DECORAZIONE:

Sformate il dolce eliminando il cerchio mobile, guarnitelo con la frutta e spolverizzatelo con lo zucchero a velo. Buon appetito!

Annalisa

martedì 15 luglio 2014

Muffins con patate e pancetta

 

DSC_0490

DSC_0507

 

Mi piacciono tantissimo i muffins in versione salata, e dopo quelli alla panna acida ed erba cipollina che avevo postato qui, ho voluto provare anche questa versione. L’ occasione è stata una cena al fresco del mio portico, ma questi muffins potrebbero essere ideali per un buffet in piedi, per un party di compleanno o perché no, per un tea time in perfetto english style! Se volete provare questi deliziosi muffin vi occorrerà:

INGREDIENTI:

  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’ oliva
  • 3 scalogni tritati finemente
  • 350 g di farina “00”
  • 1 cucchiaino da tea di sale
  • 450 g di patate, lessate e schiacciate
  • 2 uova intere freschissime
  • 350 ml di latte
  • 125 ml di panna acida
  • 1 cucchiaio da tavola di erba cipollina finemente tagliata
  • 150 g di pancetta a cubetti
  • 4 cucchiai da tavola di provolone grattugiato

PROCEDIMENTO:

  1. Preriscaldate il forno a 200°C e foderate una teglia per 12 muffins con altrettanti pirottini.
  2. Scaldate il cucchiaio d’olio extravergine d’oliva in una padella, versate gli scalogni e soffriggeteli a fuoco basso, mescolando per 2 minuti. Togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
  3. Setacciate la farina e il sale in una ciotola; in un’altra sbattete leggermente le uova con le patate schiacciate, la panna acida, l’erba cipollina e metà della pancetta. Unite il composto liquido a quello secco, mescolate delicatamente aggiungendo poco per volta il latte. Non lavorate troppo l’impasto che alla fine dovrà risultare grumoso.
  4. Distribuite l’impasto nei pirottini precedentemente preparati e riempiteli per 2/3 circa, cospargete con il resto della pancetta e il formaggio, quindi infornateli per 20 minuti, o finché i muffins saranno gonfi e dorati. Toglieteli dal forno e serviteli tiepidi facendoli raffreddare su una gratella. Buon appetito!

Annalisa

mercoledì 9 luglio 2014

Mini croquembouche

 

DSC_0461

DSC_0468

 

L’ ispirazione per creare questi mini croquembouche mi è venuta in occasione di un invito per un caffè in giardino di qualche giorno fa. Volevo un dolce leggero ma che avesse una certa eleganza,  così mi sono ricordata del croquembouche che avevo postato qua. Naturalmente ho cambiato le dimensioni, ma la ricetta è la stessa e la potrete trovare qui. Ho cambiato anche la farcia dei bignè optando per una delicatissima crema diplomatica, la ricetta la potrete trovare qui. Il dolce era delizioso, elegante e fresco e gli ospiti ne sono rimasti entusiasti. Ho servito i bignè cominciando dalla cima e prendendoli delicatamente con due cucchiai. Buon appetito!

Annalisa

martedì 1 luglio 2014

Torta semifreddo al limone…Remake

 

DSC_0429

DSC_0431

DSC_0437

DSC_0433

 

Se c’é una cosa che amo fare è cambiare “design” alle mie torte. Questa volta è capitato con questa torta semifreddo al limone, la cui ricetta avevo postato qui. Per fare la base di pandispagna ho usato una teglia dal diametro di circa 24 cm. Per assemblare la torta ho usato un cerchio mobile per torte. Infine, per gli spicchi di limone alla gelatina ho fatto così: ho tagliato a metà per il senso della larghezza due limoni abbastanza simili per forma e dimensione, poi li ho svuotati dalla polpa ottenendo 4 gusci che ho sistemato su un piatto. Ho preparato la gelatina da mettere sulla torta, e con quella avanzata ( ne rimane sempre un po’) ho riempito i 4 gusci. Li ho messi in frigorifero per tutta la notte e la mattina quando ho sformato la torta ho preparato gli spicchi tagliandoli a metà e pareggiandoli se necessario. Poi li ho posizionati sulla torta come si vede nella foto. Buon appetito!

Annalisa

mercoledì 25 giugno 2014

Brioche rustica farcita

 

DSC_0416

DSC_0419

DSC_0420

DSC_0424

Questa sofficissima brioche dal ripieno goloso sarà l’ideale per una merenda in giardino, come piatto unico o per un buffet. Quel che è certo che a casa mia è sparita in un baleno! La ricetta l’ho scovata su un vecchio numero di Cucina Moderna del 1999, e l’ho modificata secondo i miei gusti, ho anche dimezzato la quantità di lievito aumentando i tempi di lievitazione. Se volete, per fare questa deliziosa brioche vi occorrerà:

INGREDIENTI:

PER LA PASTA:

  • 1/2 cubetto di lievito di birra
  • 2 dl di latte
  • 200 g di patate lessate
  • 2 uova
  • 100 g di burro
  • 20 g di formaggio grana grattugiato
  • 450 g di farina “00”
  • 1 cucchiaino da tea di sale fino

PER IL RIPIENO:

  • 160 g di formaggio tipo fontina o provola
  • 30 g di formaggio grana grattugiato
  • 80 g di porchetta arrosto a dadini

PER FINIRE:

  • 1 tuorlo d’uovo per spennellare
  • semi di papavero o semi di sesamo

PROCEDIMENTO:

  1. Sbriciolate il lievito in una ciotola capiente e diluitelo con il latte tiepido. Aggiungete un cucchiaino da tea di sale, le patate ridotte in purea con lo schiacciapatate, le uova sbattute e il formaggio grana grattugiato. Mescolate e unite a poco a poco la farina, mescolando prima con una forchetta e poi con le mani.Trasferite l’impasto su un piano da lavoro infarinato e lavorate per alcuni  minuti fino ad ottenere una pasta liscia ed elastica. Se necessario, unite ancora un po’ di farina durante la lavorazione.
  2. Rimettete la pasta nella ciotola, distribuitevi sopra il burro a dadini, cospargete con un po’ di farina e sigillate la ciotola con della pellicola trasparente da cucina. Lasciate lievitare per un’ ora e mezza o fino a che l’ impasto non sarà raddoppiato. Riprendete la pasta e lavoratela per incorporare il burro.
  3. Coprite il fondo di uno stampo a cerniera di circa 22 cm di diametro con un foglio di carta forno e imburrate le pareti. Stendete poco più di un terzo della pasta sul fondo. Tagliate il formaggio a dadini e mescolateli con la porchetta arrosto. Distribuiteli sul fondo di pasta e cospargete con il formaggio grattugiato. Con la pasta rimanente, preparate delle palline che sistemerete sul ripieno in modo da ricoprire tutta la superficie della brioche. Non preoccupatevi se le palline saranno distanti tra loro, lievitando andranno a coprire gli spazi vuoti.
  4. Coprite lo stampo con un canovaccio e lasciate lievitare mezz’ora. Sbattete il tuorlo con un cucchiaio di acqua e delicatamente spennellate la superficie della brioche. Cospargete con i semi scelti e mettete lo stampo nel forno spento. Accendetelo a 220°C e cuocete finché la superficie sarà dorata.
  5. Abbassate la temperatura a 170°C e proseguite la cottura per altri 20 minuti. Per controllare la cottura, infilate uno stecchino di legno al centro della brioche, deve uscirne asciutto. Togliete la brioche dal forno e fatela raffreddare prima di servire. Personalmente io l’ho gustata calda ed era squisita, buon appetito!

Annalisa

mercoledì 18 giugno 2014

Quiches del sole

 

DSC_0400

DSC_0409

DSC_0395

DSC_0408

 

Altro che “Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d’orto” come recita la poesia di uno dei miei poeti preferiti, Eugenio Montale. Qua si sta scatenando la bufera, questo sud Sardegna che fino ad oggi era stato risparmiato dai nubifragi che hanno investito il nord dell’isola, oggi sembra chinare il capo e dire “ ora tocca a me!” Tuoni, fulmini e saette si scatenano in questo grigio cielo di giugno e sembra quasi -se non fosse per la temperatura- che sia tornato l’autunno. Così la decisione di cucinare qualcosa che riporti, almeno nella mia cucina, un po’ di sole. La decisione di fare queste “quiches del sole” e la ricetta le ho prese dal calendario paneangeli 2014, esattamente dal mese di giugno. La ricetta originale prevedeva per la farcia l’uso di zucchine, formaggio spalmabile, ricotta e zafferano. Io ho modificato un po’ tutto secondo i miei gusti personali.

INGREDIENTI PER L’ IMPASTO:

  • 200 g di farina “00”
  • 25 g di formaggio grana grattugiato
  • 1 cucchiaino da tea di sale
  • 1 presa di pepe nero
  • 1 bustina di lievito chimico in polvere per preparazioni salate
  • 25 g di strutto
  • 125 ml di acqua frizzante fredda

PER FARCIRE:

  • 175 g di peperoni rossi e gialli tagliati a dadini
  • 250 g di formaggio Edamer  tagliato a cubetti piccoli ( scamorza, provola o qualsiasi formaggio a pasta filata andrà bene ugualmente)
  • 75 g di pancetta a cubetti.

PROCEDIMENTO:

  1. Per la farcia mescolare i peperoni con il formaggio tagliato a cubetti, quindi aggiungete la pancetta e mescolate bene.
  2. Per l’ impasto mescolare la farina setacciata con il grana, sale, pepe e il lievito setacciato; aggiungere lo strutto e, gradatamente l’acqua, mescolando con una forchetta. Impastare rapidamente il tutto, fino ad ottenere un impasto liscio.
  3. Con un matterello stendere l’impasto in una sfoglia spessa 2-3 mm e ritagliarvi dei dischetti di circa 10 cm di diametro. Adagiare i dischetti in pirottini di carta precedentemente posizionati in una teglia per muffin, formando dei cestini.
  4. Distribuire la farcia nei cestini d’impasto e cuocere per 18-20 minuti nella parte media del forno preriscaldato ( elettrico: 200°C, ventilato: 190°C, a gas nella parte alta: 210°C). Servite le quiches del sole tiepide e ...Buon appetito!

Annalisa

venerdì 13 giugno 2014

Vintage Mocaccino Cake

 

DSC_0314_edited

DSC_0316

DSC_0320

 

La “cappuccino cake” è decisamente una delle mie torte preferite, quella che riesce a tirarmi su e a darmi la giusta energia la mattina appena sveglia. Così, dopo le “mocaccino cupcakes” ho voluto cimentarmi in questa “ mocaccino cake” in versione vintage, che è piaciuta tantissimo sia per il suo delizioso sapore che per l’ eleganza delle sue decorazioni. Se vi piace l’idea, potete trovare la ricetta per il pandispagna, la farcia e le decorazioni in questo post. Per la copertura -che è stata fatta con un chocolate fudge- andate qui. Dopo aver cotto, sfornato sformato e lasciato raffreddare la torta l’ho divisa in due, l’ho farcita. Nel frattempo, ho aspettato che il chocolate fudge si rassodasse un po’ in modo da poter essere distribuito sulla torta. Ho decorato la torta seguendo la mia fantasia e usando i beccucci che mi ispiravano di più in quel momento e il risultato mi è piaciuto tantissimo! Buon appetito!

DSC_0322 

DSC_0326

Annalisa

martedì 3 giugno 2014

L’ ultima follia al cioccolato e… abbasso chi copia!!!

 

DSC_0297

DSC_0299

DSC_0301

 

Prima di illustrare la ricetta di questa deliziosa e delicatissima torta, è doverosa da parte mia una spiegazione al titolo del post in questione! Ho aperto questo blog per pura passione, senza nessuna pretesa se non quella di condividere con chi mi segue e con la rete in generale le mie ricette e il mio modesto sapere culinario. Non sono una cuoca famosa, ma solo una mamma e una moglie che cucina per e con amore! Non sono una fotografa professionista, ne una manager, ma quello che c’é sul mio blog – foto e testi di ricette- é MIO!!! Non mi fraintendete; mi piace tantissimo condividere, e quando mi capita provare ricette prese da altri blog o siti, a volte anche stranieri, ma SEMPRE – come dovrebbe fare ogni blogger degno di essere chiamato tale- citando la fonte, con un link! Fino a qui tutto normale, e allora cosa c’é che non va? C’é che con mia grande sorpresa, ho scoperto per puro caso che la foto di una mia ricetta è finita sul sito di un ristorante (fast-food) cagliaritano famoso per le “sue” specialità sarde, naturalmente senza url di riferimento al mio blog. Praticamente alla voce “coccoi prena” troneggia la mia foto come se fosse un piatto loro!!! Sono davvero amareggiata, o forse mi dovrebbe anche lusingare il fatto che un noto ristorante abbia bisogno di una mia foto per presentare un suo piatto, che forse quel giorno distrattamente il cuoco di turno aveva bruciato?!? Scherzi a parte, la cosa mi ha fatto davvero arrabbiare, e spero che si risolva con una rimozione immediata dal sito della MIA foto!!! Ed ora la ricetta di questa torta che oramai faccio da anni ma che non avevo mai pensato di postare. Si tratta di una ricetta presa da un numero di “La cucina di Casamia” dell’autunno 2000. La torta alla mousse, così viene chiamata è delicatissima e si scioglie in bocca, l’impasto è privo di farina ma molto cioccolatoso. La dedico a tutti voi… tranne a chi copia!!!

INGREDIENTI:

  • 150 di cioccolato fondente
  • 30 g di cacao amaro
  • 100 g di burro
  • 100 g di zucchero semolato
  • 2 uova freschissime

PREPARAZIONE:

  1. Tritate il cioccolato fondente e fatelo sciogliere in un recipiente a bagnomaria; aggiungete il burro, togliete dal fuoco e mescolate bene.
  2. Con la frusta elettrica, montate i tuorli con 80 g di zucchero fino a renderli spumosi, incorporatevi il cacao setacciato e il cioccolato. Montate gli albumi a neve, aggiungete lo zucchero rimasto e montate ancora per qualche secondo.
  3. Con una spatola, incorporate gli albumi, mescolando delicatamente; versate l’impasto in una tortiera rivestita di carta forno e livellate la superficie.
  4. Cuocete in forno preriscaldato a 160°C per circa 35 minuti; togliete dal forno, lasciate intiepidire e sformate la torta. Potete servirla anche spolverata di zucchero a velo. Io ho usato una teglia dal diametro di 19 cm, e ho decorato la torta con una rosa del mio giardino. Buon appetito!

Annalisa