lunedì 27 ottobre 2014

Dobos torte

 

DSC_0509

DSC_0516

DSC_0514

DSC_0521

 

La Dobos Torte o torta Dobos, è una torta di origine Ungherese che fu inventata dal pasticcere Jòzsef C. Dobos nel 1884. Mi ha sempre incuriosito, più che altro per l’aspetto molto scenografico, e non aspettavo altro che l’occasione per cimentarmi. L’ occasione mi si è presentata quando Martina mi ha chiesto di preparare la Dobos torte per il suo compleanno che abbiamo festeggiato il 10 ottobre. Ho cercato molto nel web, poi mi sono ricordata di avere visto la ricetta nel mio libro “Baking Bible” di Mary Berry, l’ho letta, tradotta ed eccola qua per chi si volesse cimentare. Per fare questa delizia vi occorrerà:

Per i dischi di pandispagna:

  • 4 uova grandi freschissime
  • 175 g zucchero semolato
  • 150 g di farina setacciata
  • 1 cucchiaino da tea di lievito chimico in polvere per dolci

Per la crema di burro al cioccolato:

  • 2 albumi d’uovo grandi freschissimi
  • 100 g di zucchero a velo
  • 225 g di burro ammorbidito
  • 100 g di cioccolato fondente ( io ho usato quello amaro)
  • 30 g di cacao amaro setacciato ( questa è stata una mia aggiunta)

Per il caramello:

  • 175 g di zucchero semolato
  • 5 cucchiai da tavola di acqua

Per la bagna al rhum:

  • 50 ml di acqua
  • 30 g di zucchero semolato
  • 50 ml di rhum

La versione originale di Mary Berry non prevedeva la bagna al rhum che come è ovvio è stata una mia idea, se volete potete ometterla, ma vi assicuro che questa bagna conferisce alla torta e alla crema un sapore e un profumo davvero deliziosi.

Preparazione:

  1. Preriscaldate il forno a 200°C. Tracciate un cerchio ø 20 cm su 6 fogli di carta forno e con questi foderate altrettante teglie.
  2. Per preparare i dischi di pandispagna, rompete le uova in una grande terrina e aggiungete lo zucchero. Montate con delle fruste elettriche fino a che il composto sarà chiaro e se sollevato con le fruste ricadrà a nastro. Delicatamente aggiungete la farina, un poco per volta. Dividete l’impasto  dentro i cerchi precedentemente tracciati, spalmandolo in modo uniforme.
  3. Infornate un paio di teglie per volta, se avete spazio, nel forno preriscaldato per 6-8 minuti fino a che il pandispagna sia leggermente dorato ed elastico al tatto. Con un coltello affilato, definite il contorno dei cerchi. Togliete la carta forno e lasciate raffreddare su una gratella.
  4. Nel frattempo preparate la bagna al rhum facendo sciogliere lo zucchero nell’acqua a fuoco dolce, quindi aggiungete il rhum, spegnete il fornello e lasciate raffreddare completamente. 
  5. Per fare la crema di burro al cioccolato, montate gli albumi con lo zucchero a velo in una terrina resistente al calore, posizionata sopra un recipiente di acqua bollente fino a che la meringa divenga abbastanza ferma e mantenga la sua forma. Lavorate il burro a crema fino a che sia molto soffice quindi aggiungete la meringa un poco per volta. Sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria, girando ogni tanto. Lasciatelo leggermente raffreddare poi aggiungetelo alla crema di burro e mischiate bene fino a che sia tutto ben amalgamato. Ora aggiungete poco alla volta il cacao amaro setacciato. 
  6. Prendete un disco di pandispagna ( scegliete quello che vi è venuto meglio) e mettetelo su un foglio di carta forno, pronto per essere ricoperto con il caramello. Preparate un altro foglio di carta forno per il caramello che avanzerà, che dovrà essere “frantumato” una volta divenuto solido.
  7. Per fare il caramello, sciogliete lo zucchero nell’acqua a fuoco basso, poi alzate il fuoco e portate a bollore lo sciroppo fino a che raggiunga un color ambra ( 170- 175°C). Lasciatelo appena raffreddare quindi usatene metà per ricoprire in modo uniforme il disco di pandispagna messo da parte in precedenza. Versate il rimanente caramello nell’altro foglio di carta forno preparato.
  8. Quando il caramello sopra il disco di pandispagna sta cominciando appena ad indurire, segnatelo e tagliatelo in 16 fette ( a me ne sono venute 10, ma va bene comunque Sorriso) con un coltello unto con olio. Una volta che il caramello versato nel secondo foglio di carta forno si sarà completamente raffreddato, frantumatelo con un matterello.
  9. Bagnate un disco di pandispagna con la bagna al rhum e distribuiteci sopra la crema di burro. Continuate così con i rimanenti 4 dischi di pandispagna. Ricoprite i bordi con la crema di burro, tenetene un po’ da parte per decorare. Decorate i bordi con il caramello frantumato. Con una sac-a-poche munita di beccuccio a stella, formate delle rosette sulla superficie della torta quante sono le fette ricoperte di caramello. Sistemate le fette caramellate sopra ciascuna rosetta in modo da formare lo strato finale come da foto sopra. Buon compleanno Martina e buon appetito!

Annalisa

mercoledì 22 ottobre 2014

Jam Doughnuts di Paul Hollywood

 

DSC_0609

DSC_0620

DSC_0622

DSC_0628

Come promesso nel post precedente, ecco qua la ricetta dei mini-doughnuts. A dire il vero, per prima cosa mi sono innamorata della ricetta originale, e cioè di questi jam doughnuts, che ho trovato sul sito della BBC e precisamente qui. La ricetta è del bravissimo Paul Hollywood e, come alcuni di voi ricorderanno, protagonista di una delle puntate del Great British Bake Off. Per poter realizzare sia i mini-doughnuts che i jam doughnuts ho dovuto dividere l’impasto a metà. In precedenza avevo già fatto i doughnuts con un’altra ricetta in questo post. Se volete ricreare anche voi questi fragranti e deliziosi jam doughnuts vi occorrerà:

INGREDIENTI PER L’IMPASTO:

  • 500 g di farina Manitoba
  • 50 g di zucchero semolato
  • 40 g di burro
  • 2 uova freschissime
  • 2 sacchetti ( 14 g in tutto) di lievito di birra disidratato
  • 10 g di sale fino
  • 150 ml di latte tiepido
  • 130 ml di acqua tiepida

PER FARCIRE E DECORARE:

  • 1 vasetto di marmellata di fragole
  • zucchero a velo

PREPARAZIONE:

  1. Per l’impasto, mettete tutti gli ingredienti in una terrina, tenendo da parte un quarto dell’acqua occorrente.
  2. Mescolate con le mani fino a che l’ impasto sia formato.
  3. Lentamente aggiungete l’acqua rimanente e impastate nella terrina per 4 minuti. In alternativa potete usare l’impastatrice munita di gancio ad uncino.
  4. Rovesciate l’ impasto su una superficie leggermente infarinata, impastate bene per 10 minuti, fino a che l’impasto sia liscio ed elastico.
  5. Mettete l’impasto dentro una terrina pulita, copritelo con un canovaccio ( io ho sigillato la terrina con pellicola trasparente da cucina) e lasciate lievitare per 1 ora.
  6. Rovesciate l’impasto su una superficie leggermente infarinata, e impastatelo portandolo verso di voi un paio di volte.
  7. Dividete l’impasto in 10 pezzi di uguale peso e date la forma di una palla ad ogni pezzo. Io a questo punto, ho diviso l’impasto in due parti uguali, con una ho creato i mini-doughnuts stendendo l’impasto in una sfoglia non troppo sottile e ritagliandoli con un taglia-biscotti doppio. Con l’ altra parte ho formato le palline dandogli una forma leggermente allungata, insomma più ovale che tonda.
  8. Mettete tutte le palline e i mini-doughnuts su un vassoio infarinato e lasciateli lievitare per 1 ora coperti con un canovaccio.
  9. Riscaldate in una padella profonda dell’olio di semi di girasole ( io di arachide) e portatelo a 175°C.
  10. Friggete i jam doughnuts uno alla volta 5 minuti per parte o fino a che siano marrone dorato. Toglieteli dall’olio con un mestolo forato e fateli raffreddare su carta da cucina. Se volete la versione di Paul Hollywood, appena tolti dall’olio fateli rotolare nello zucchero semolato.
  11. Fateli raffreddare.
  12. Quando saranno completamente freddi, usando un piccolo coltello affilato fate un taglio alla base del doughnuts raggiungendo il centro.
  13. Riempite una siringa per dolci o una sac-a-poche con marmellata di fragole e farcite generosamente i doughnuts attraverso il taglio praticato, io sono stata un po’ troppo generosa Sorpresa
  14. Se seguite la mia procedura, ora mettete dello zucchero a velo in un piatto fondo e passateci i doughnuts così farciti un paio di volte, anzi “massaggiateli” proprio in modo che lo zucchero a velo formi una crosticina.
  15. Per la glassa dei mini-doughnuts vi rimando a questo post. Buon appetito!

 

Annalisa

lunedì 20 ottobre 2014

Blog anniversario in rosa

 

DSC_0599

DSC_0605

DSC_0604

DSC_0602

 

Per festeggiare il mio 5° anno di blog ho deciso ancora una volta di dare i toni del rosa al mio post! Dedico questi mini-doughnuts a tutti i miei followers ma anche a chi, cercando una ricetta, si è fermato per caso nella mia cucina, spero di aver svelato attraverso i miei posts l’ingrediente principale delle mie ricette: la passione! Ringrazio tantissimo le mie ragazze Martina e Chiara, sono loro le mie prime sostenitrici. Martina ha fatto si che quest’ idea diventasse “concreta” e Chiara é la mia fotografa ufficiale, grazie ragazze e non solo per questoSorriso Inoltre, e penso che lo sappiate già, il post si “veste” di rosa per un’altra causa della quale ormai da diversi anni mi faccio paladina: la prevenzione del tumore al seno! Ottobre è il mese della prevenzione promosso dalla Lilt ( lega italiana per la lotta contro i tumori) con la campagna Nastro Rosa 2014 giunta alla ventiduesima edizione. Il messaggio è chiaro, il cancro si può sconfiggere e la prevenzione assieme all’informazione sono gli strumenti che noi possediamo per far si che ciò accada. Se volete avere indirizzi, o saperne di più, vi lascio due utilissimi link http://www.lilt.it/  oppure http://www.nastrorosa.it/home.php. E per finire un’ ultima cosa, ma non meno importante: la ricetta di questi mini doughnuts è nuova, a dire il vero sono nati da un’altra ricetta di un famoso baker e chef inglese… ma di questo e della ricetta vi parlerò nel prossimo post! Buona prevenzione e buon appetito a tutti!

Annalisa

lunedì 13 ottobre 2014

Orata al cartoccio

 

DSC_0119 (2)

DSC_0127 (2)

 

In questi giorni ho veramente pochissimo tempo da dedicare alla cucina, così sono sempre alla ricerca di ricette veloci ma che non siano “piatte”! La ricetta velocissima e se volete anche light di queste orate al forno l’ho trovata su GialloZafferano ed esattamente qui. Se volete una ricetta veloce, per una cena leggera ma gustosa provatela! Buon appetito e buona cena!

Annalisa

martedì 7 ottobre 2014

Merendine tipo Kinder Brioss


DSC_0144
DSC_0147

La realizzazione di queste merendine mi ha sempre incuriosito! Così navigando nel web alla ricerca della ricetta mi sono imbattuta in questo fantastico blog” Il bellissimo mondo di Antonella Decorating”, dal quale ho preso la ricetta, visitatelo è pieno di ricette deliziose! La ricetta è riuscita alla perfezione, e le merendine sono sparite. Se vi interessa potete trovare la ricetta in questione anche sul canale YouTube dell’ autrice. Un’ ultima cosa, le merendine sono di gran lunga più buone se consumate il giorno successivo alla loro preparazione. Se volete cimentarvi in questa delizia vi occorrerà:
INGREDIENTI PER L’IMPASTO:
  • 230 g di farina manitoba
  • 160 g di farina “00”
  • 30 g di amido di mais
  • 70 g di zucchero semolato
  • 40 g di burro ammorbidito
  • 3 tuorli
  • 2 cucchiaini da tea di olio di semi
  • 160 ml di latte
  • 15 g di lievito di birra fresco
  • 60 ml di panna zuccherata
PER LA FARCIA:
  • 400 g di panna vegetale
  • 120 g di latte condensato
PER DECORARE:
  • 1 tavoletta di cioccolato fondente
PREPARAZIONE DELL’IMPASTO:
  1. Nella ciotola dell’impastatrice versare le due farine, ( se non avete l’impastatrice potete tranquillamente impastare a mano seguendo la medesima procedura) l’amido, lo zucchero e cominciare a lavorare con il gancio per impasti.
  2. Aggiungere il burro ammorbidito, l’olio, i tuorli, la panna e il latte intiepidito dove si sarà fatto sciogliere in precedenza il lievito. Lavorare per 10 minuti fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico.
  3. Trasferire l’impasto in una terrina leggermente unta, sigillare con pellicola trasparente da cucina e lasciare lievitare per un’ora o fino a che l’impasto non sia raddoppiato di volume.
  4. Una volta lievitato, rovesciare l’impasto su un piano di lavoro infarinato e stenderlo con l’aiuto di un mattarello in una sfoglia rettangolare di 30x40 cm di lato.
  5. Foderare una teglia rettangolare con carta forno, trasferire l’impasto e lasciar lievitare in luogo tiepido( nel forno spento con la luce accesa ad esempio) e al riparo da correnti d’aria per 30 minuti.
  6. Una volta lievitato far cuocere l’impasto nel forno preriscaldato a 170°C per circa 35 minuti.
  7. Preparare la farcia: montare la panna e aggiungere il latte condensato versandolo a filo continuando a montare.
  8. Sfornare e sformare l’impasto, rifilare i bordi e tagliare la base dividendola in tre parti e poi a fette rettangolari di circa 6x13 cm.
  9. Tagliare ogni fetta in tre parti delicatamente e farcire con la crema precedentemente preparata, come da foto. Ricomporre le merendine.
  10. Sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria, riempire una sac-a-poche con il cioccolato fuso e decorare le merendine come da foto. Buon appetito!

Annalisa

martedì 30 settembre 2014

Biscotti gelato

 

DSC_0142 (2)

DSC_0140

Prima che queste calde giornate di inizio autunno ci lascino, ho deciso di postare questa ricetta di biscotti gelato che ho trovato sul sito Paneangeli. Si tratta di una ricetta semplice che non richiede l’uso della gelatiera, se volete provarla, la ricetta la trovate qui. Io ho conservato i miei biscotti gelato in freezer dentro un contenitore chiuso, avendo cura di lasciarli a temperatura ambiente circa 10 minuti prima di consumarli. Buon appetito!

DSC_0145

Annalisa

giovedì 25 settembre 2014

Torta Fiesta

 

DSC_0087 (2)

DSC_0090

DSC_0098

 

Questa è una di quelle ricette che ho sempre pensato di fare ma che ho sempre rimandato! Così è capitato che sfogliando la rivista Più Dolci del mese di settembre, mi sono “imbattuta” in questa ricetta che va sotto il titolo di “merendine all’arancia” e ho deciso di provarla modificandola secondo le mie esigenze e gusti. A dire il vero la ricetta di Più Dolci è formulata per preparare 12 merendine, ma io come dicevo sopra l’ho modificata dimezzando le dosi e facendo un’ unica torta. Ho anche modificato la copertura usando solo cioccolato fondente anziché metà al latte e metà fondente. Una vera delizia, se volete farla anche voi vi occorrerà:

INGREDIENTI PER LA TORTA:

  • 6 uova
  • 100 g di burro morbido
  • 180 g di zucchero semolato
  • 200 g di farina “00”
  • 8 g di lievito chimico in polvere per dolci
  • la buccia grattugiata di mezza arancia

INGREDIENTI PER LA FARCIA:

  • 2 albumi freschissimi
  • 100 g di burro
  • 30 g di zucchero a velo
  • la scorza grattugiata di un’arancia
  • 100 g di zucchero a velo
  • 40 g di latte condensato

INGREDIENTI PER LA BAGNA:

  • 200 g di acqua
  • 100 g di zucchero semolato
  • 30 g di Cointreau

PER LA COPERTURA:

  • 35 g di burro
  • 220 g di cioccolato fondente
  • 370 g di cioccolato al latte

Per la copertura della mia torta ho usato 200 g di cioccolato fondente amaro e 15 g di burro.

Per la ricetta originale vi occorrerà una teglia rettangolare di 22x30 cm di lato.

Avendo dimezzato le dosi io ho usato una teglia rettangolare di 20x14 cm di lato.

PREPARAZIONE:

  1. Per la torta montate gli albumi a neve ben ferma. Lavorate bene il burro con lo zucchero fino ad ottenere una soffice crema, unite un tuorlo per volta incorporandolo bene prima di aggiungere il successivo. Aggiungete la scorza grattugiata, la farina e il lievito, alternando con gli albumi montati a neve.
  2. Versate l’impasto nella teglia imburrata e infarinata e infornate a 180°C per circa 22-25 minuti
  3. Sfornate e sformate la torta su una gratella, lasciatela raffreddare e rifilate i bordi.
  4. Per la bagna, sobbollite per 5 minuti acqua e zucchero, togliete dal fuoco, unite il liquore e fate raffreddare.
  5. Per la farcia, montate a neve ferma gli albumi ( io 1 solo) con 30 g di zucchero a velo ( io 15 g) e tenete da parte. Montate il burro a crema con 100 g (io 50 g) di zucchero a velo, e una volta ottenuta una massa spumosa, unite, sempre montando il latte condensato. Incorporate delicatamente la meringa alla crema di burro, e aggiungete un poco di scorza di arancia grattugiata.
  6. Pareggiate la torta e dividetela a metà. Bagnate la base con la bagna al liquore e distribuiteci sopra la farcia. Coprite con l’altra metà anch’essa bagnata.
  7. Trasferite il dolce in freezer per 10 minuti, poi tagliatelo in rettangoli di 9x5 cm. Se volete potete lasciare la torta intera come ho fatto io.
  8. Per la copertura fondete i due tipi di cioccolato tritati, poi unite il burro. Io ho usato solo cioccolato fondente amaro, la procedura è la stessa. Una volta che avrete ottenuto una glassa fluida e liscia, ricoprite le merendine o come nel mio caso la torta e ponetele a rassodare in frigo. Buon appetito!

Annalisa

martedì 16 settembre 2014

Buon compleanno Annalisa

 

DSC_0105

DSC_0116

DSC_0114

DSC_0107

DSC_0110

 

Questa è la torta che ho preparato per il mio compleanno che ho festeggiato il giorno 11 settembre, si tratta di un pandispagna farcito con crema diplomatica e inzuppato con una bagna al rum. Ho preparato due pandispagna quadrati ( teglia di cm 18x18) e li ho divisi a metà. Ho cotto una pasta sfoglia rettangolare e poi l’ho tagliata della stessa misura del pandispagna( cm18x18). Voglio inoltre dedicare questa torta tra l’altro deliziosa ai miei 500 followers di facebook, ma anche ai followers del mio blog…Grazie di cuore a tutti! E ora la ricetta:

INGREDIENTI PER IL PANDISPAGNA:

  • 3 uova freschissime
  • 100 g di zucchero semolato
  • 50 g di fecola di patate o amido di mais
  • 50 g di farina “00”
  • 1 cucchiaino da tea di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaino da tea di lievito chimico in polvere per dolci
  • 1 teglia quadrata di cm18x18

Il procedimento per la preparazione e la cottura del pandispagna lo trovate qui. Con questa dose fatene due, io ho preparato e cotto i miei separatamente.

Avrete bisogno inoltre di una pasta sfoglia rettangolare fatta da voi o comprata.

Crema diplomatica: la mia ricetta è qui

2 litri circa di panna montata, compresa quella occorrente per la crema diplomatica

Bagna al rum: la mia ricetta è qui, per questa torta preparatene una doppia dose.

Procedimento:

Dopo aver sfornato sformato e lasciato raffreddare il pandispagna, l’ho rifilato e pareggiato lungo i lati, ho tagliato la pasta sfoglia (dopo averla cotta) della stessa misura ottenendo due quadrati. Ho distribuito un velo di crema diplomatica su un quadrato di pasta sfoglia, ho tagliato a metà il primo pandispagna, ne ho inzuppato una parte con la bagna al rum e l’ho posizionato sul quadrato di pasta sfoglia. Ho inzuppato con la bagna la superficie, e ho distribuito la crema diplomatica, ho coperto con l’altra parte di pandispagna inzuppata di bagna la rum. Ho tagliato anche il secondo pandispagna, l’ho inzuppato e ho proceduto come prima, ho finito con uno strato di crema diplomatica e un quadrato di pasta sfoglia. Non so se sono stata chiara ma dovrebbe venirvi una torta con tre strati di pandispagna farciti di crema diplomatica più due di pasta sfoglia, uno come base e uno come copertura. Ho proceduto poi a decorare la torta ricoprendola con panna montata. Ho diviso a metà in diagonale i lati aiutandomi con un rettangolo di carta forno e li ho decorati con una lavorazione a canestro. Le rose sono sempre in panna e se volete in rete ci sono molti video che mostrano come farle, i fiorellini sono in royal icing e li ho preparati con un po’ di giorni in anticipo per dargli il tempo di asciugare. Spero di essere stata chiara ed esaustiva, e ancora buon compleanno Annalisa e grazie a tutti i miei followers <3

Annalisa

martedì 9 settembre 2014

Lemon Pull Apart Bread

 

DSC_0045 (2)

DSC_0051 (2)

DSC_0039 (2)

DSC_0046 (2)

 

Ecco un’altra ricetta di Pull Apart Bread. Le altre ricette di Pull Apart Bread e cioè Pepperoni Pizza Pull Apart Bread e Pull Apart bread, le trovate qui e qui. Questa volta si tratta di un Lemon Pull Apart Bread, e cioè di un pan brioche al limone, glassato con una ghiaccia al limone e reso morbido tra una sfoglia e l’altra dal burro e da un composto formato da zucchero e buccia di limone grattugiata. Una vera delizia, tanto che è stata letteralmente divorata in un batter d’occhio e che ho trovato su questo sito americano: BarbaraBakes. Se volete provarlo e ve lo consiglio davvero, ecco la ricetta tradotta per voi:

INGREDIENTI PER L’IMPASTO:

  • 340 g di farina “00”
  • 55 g di zucchero semolato
  • 8 g di lievito di birra disidratato
  • 1/2 cucchiaino da tea di sale fino
  • 125 ml di latte
  • 60 g di burro
  • 1 cucchiaino e mezzo di puro estratto di vaniglia
  • 2 uova grandi freschissime a temperatura ambiente

PER LA FARCIA AL LIMONE BURRO E ZUCCHERO:

  • 110 g di zucchero semolato
  • la buccia finemente grattugiata di 2 limoni grandi o di 4 piccoli
  • 60 g di burro molto morbido, ma non liquefatto

PER LA GHIACCIA AL LIMONE:

  • 200 g di zucchero a velo
  • 5 cucchiaini da tea di succo di limone

PROCEDIMENTO:

  1. Nella ciotola dell’ impastatrice munita di gancio a foglia, versate quasi tutta la farina, lo zucchero e il sale.
  2. Dividete il latte in due differenti contenitori, intiepiditelo e in uno versate il lievito per farlo rinvenire e nell’ altro il burro in modo che si ammorbidisca ma che non sia completamente liquefatto. Se usate un lievito che può essere aggiunto direttamente all’impasto, aggiungetelo al punto 1 e usate tutto il latte per ammorbidire il burro. Io ho dovuto adattare e modificare la ricetta per via del lievito che ho usato.
  3. Aggiungete il latte con il burro e quello con il lievito alla farina, aggiungete l’estratto di vaniglia. Mescolate a velocità minima. Aggiungete le uova, una alla volta. Mescolate ancora per 3 minuti a velocità media.
  4. Sostituite il gancio a foglia con il gancio impastatore o a spirale, impastate aggiungendo poco per volta la farina rimanente in modo da ottenere un impasto soffice. Aggiungete o diminuite la quantità di farina se vi sembra che la consistenza non sia quella desiderata. Impastate per 5 minuti. Mettete l’impasto in una terrina leggermente unta d’olio, giratelo per ungerlo anche sulla superficie. Sigillate la terrina con pellicola trasparente da cucina, coprite anche con un canovaccio. Lasciate lievitare in un luogo tiepido al riparo da correnti d’aria per circa 1 ora e mezza-2 ore.
  5. Mentre l’impasto lievita, preparate la farcia: in una ciotola mischiate assieme la buccia grattugiata del limone e lo zucchero, coprite e tenete da parte.
  6. Una volta lievitato, rovesciate l’impasto su una superficie infarinata, schiacciatelo e stendetelo con un matterello cercando di formare un rettangolo di 50x30 cm. Distribuite il burro ammorbidito con una spatola o con un pennello su tutta la superficie del rettangolo. Tagliate il rettangolo in 5 strisce di circa 30x10 cm.
  7. Distribuite ora circa 1 cucchiaio da tavola e mezzo di composto di zucchero e limone sulla superficie della prima striscia, sovrapponete la seconda e fate lo stesso lavoro, e così via con le altre strisce.

   8.Tagliate le strisce così sovrapposte in altrettanti rettangoli ( ognuno dovrebbe essere di circa 10x5 cm) Trasferite i rettangoli in uno stampo da plum cake antiaderente, non preoccupatevi se non occuperanno tutta la teglia, cresceranno in lievitazione e poi durante la cottura così da riempire tutto lo spazio. Coprite il pane con pellicola senza sigillarlo, coprite anche con un canovaccio. Mettetelo a lievitare in un luogo tiepido al riparo da correnti d’aria per circa 30-50 minuti o fino a che non sia raddoppiato di volume. L’impasto è ben lievitato quando se pressato con un dito ne mantiene l’impronta.

9. Infornate in forno preriscaldato a 180°C per circa 30-35 minuti nella parte media del forno. Se il pane dovesse scurire troppo in fretta copritelo con un foglio di carta alluminio, io ho coperto il mio dopo i primi 10 minuti di cottura, sformatelo quando diventa dorato in superficie. Trasferite lo stampo su una gratella e lasciatelo intiepidire per 10-15 minuti.

10. Mentre il pane raffredda preparate la glassa, mischiate lo zucchero a velo con il succo di limone filtrato fino ad ottenere una glassa liscia un po’ consistente.

11. Sformate il pane delicatamente e mettetelo su una gratella, mettete la glassa in una sac-a-poche munita di beccuccio tondo piccolo e distribuitela sul pane come da foto. Servite il pane caldo o a temperatura ambiente. Se il pane avanza, conservatelo sigillato con pellicola da cucina per conservarne la fragranza e la morbidezza. Buon appetito!

Annalisa

martedì 2 settembre 2014

Baci Tricolore Salati

 

DSC_0018 (2)

DSC_0017

DSC_0022 (2)

 

La ricetta di questi baci tricolore salati, l’ho presa dal sito Paneangeli. Si tratta di un impasto a base di pesto di rucola che racchiude un delizioso ripieno di formaggio Philadelphia ed erba cipollina. Dopo aver provato la versione originale e cioè quella con pesto di rucola, ho creato la variante con pesto al basilico…deliziose e saporite tutte e due! Perfetti come antipasto per aprire una cena in giardino, oppure ideali per un goloso spuntino. Se volete provare questi deliziosi baci vi occorrerà:

INGREDIENTI:

Per l’impasto:

  • 75 g di rucola mondata oppure 75 g di basilico per la versione al basilico
  • 140 ml di olio extravergine d’oliva
  • 250 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
  • 90 g di parmigiano reggiano, oppure 45 g parmigiano e 45 g di pecorino
  • 3 uova freschissime
  • 1 pizzico di sale fino
  • 1 macinata di pepe nero
  • 50 ml di latte
  • 360 g di farina “00”
  • 1 bustina di Lievito Pizzaiolo Paneangeli

Per la farcitura:

  • 1 mazzo piccolo di erba cipollina
  • 500 g di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
  • pomodorini ciliegia oppure dei pomodori piccoli

PREPARAZIONE:

  1. Usando un mixer da cucina, frullare la rucola o il basilico con l’olio. Se avete fretta e volete saltare questo passaggio potete usare del pesto di rucola o di basilico già pronto.
  2. In una terrina sbattete a crema il formaggio spalmabile con il parmigiano (oppure metà parmigiano e metà pecorino), aggiungere un uovo alla volta, sale, pepe e il latte.
  3. Setacciarvi sopra la farina e, per ultimo, il lievito Pizzaiolo aggiungendo a piccole dosi la rucola frullata o il basilico.
  4. Incorporare delicatamente il tutto con una frusta a mano.
  5. Su un foglio di carta da forno, disegnare con una matita 44 dischetti (non troppo vicini) del diametro di 3,5 cm circa e disporlo sulla leccarda del forno con la parte disegnata rivolta verso la lastra.
  6. Con una sac-a-poche munita di bocchetta liscia, e metà della pasta, formare 44 mucchietti di pasta grandi quanto i dischetti disegnati.
  7. Cuocere per 12-14 minuti nella parte media del forno preriscaldato ( elettrico 180°C; ventilato 170°C; a gas nella parte media: 190°C).
  8. Ripetere l’operazione con la pasta rimasta.
  9. Tritate il mazzetto di erba cipollina serbando alcuni fili per la decorazione.
  10. Per la farcitura lavorare a crema il formaggio spalmabile e aggiungere l’erba cipollina.
  11. Con una sac-a poche munita di bocchetta a stella aperta farcire metà dei baci, sovrapporre l’altra metà, disporre i baci così composti in pirottini di carta e decorare la superficie con un ciuffo di crema.
  12. Terminare la decorazione con i pomodorini tagliati a metà o a spicchi e l’erba cipollina. Buon appetito!

Annalisa

mercoledì 27 agosto 2014

La mia salsa di pomodori freschi

 

DSC_0085

L’ estate per me è stagione di conserve, e siccome il mio orto anche quest’ anno è stato particolarmente generoso, ho potuto mettere sotto vetro i frutti del raccolto. Questa volta è toccato ai saporiti e sugosi pomodori essere trasformati in salsa e finire in barattolo, pronti per essere consumati nelle fredde giornate invernali. Per la preparazione e la conservazione della salsa vi rimando a questo post, e a quanti di voi si vorranno cimentare auguro buon lavoro e buon appetito!

DSC_0078

Annalisa

giovedì 21 agosto 2014

Pasta da pane e pizzette fritte

 

DSC_0518

DSC_0514 (2)

 

Se la voglia di accendere il forno in questi giorni di caldo torrido ( almeno per noi isolani) è veramente poca se non inesistente, ecco una valida e deliziosa alternativa Sorriso  Delle deliziose pizzette e pasta da pane fritte, anziché essere infornate. La pasta da pane sarà deliziosa servita con salumi o con gli antipasti, e le pizzette ottime per una sostanziosa merenda! Io ho fatto un impasto unico e ne ho utilizzato una parte per le pizzette e una parte per la pasta da pane fritta. Il procedimento della ricetta è a mano, naturalmente si può usare tranquillamente l’impastatrice. Se volete cimentarvi in questa deliziosa ricetta vi occorrerà:

INGREDIENTI:

  • 1,500 g di farina “00”
  • 1 cucchiaio da tavola di sale
  • 2 cucchiai da tavola di olio extravergine d’oliva
  • 900 ml circa di acqua tiepida
  • 25 g di lievito di birra fresco o 1 cucchiaio da tavola di lievito di birra disidratato

PROCEDIMENTO:

  1. In una larga terrina setacciate la farina, aggiungete il sale.
  2. Sciogliete il lievito in 800 ml di acqua tiepida presa dal totale di quella occorrente, unite anche l’olio.
  3. Cominciate ad impastare unendo poco per volta l’acqua con il lievito alla farina, una volta aggiunta tutta l’acqua valutate se aggiungere anche gli altri 100 ml.
  4. Rovesciate l’impasto su un piano di lavoro infarinato e lavoratelo energicamente per almeno 10 minuti fino ad ottenere un impasto liscio.
  5. Rimettetelo nella terrina pulita e infarinata, sigillatela con della pellicola trasparente da cucina e lasciate lievitare da 1 ora e mezza a 2 ore e mezza.Per verificare se la pasta è ben lievitata,premetevi sopra un dito: è pronta se il segno scompare lentamente.
  6. Per il pane: stendete la pasta in una sfoglia alta mezzo centimetro e con una rotella dentellata o liscia tagliatela in tanti rettangoli o rombi. Friggete la pasta in abbondante olio di semi ben caldo per alcuni minuti per parte. Passateli su carta assorbente da cucina e serviteli ben caldi salandoli in superficie.
  7. Per le pizzette: dividete la pasta in tante palline di circa 100 g l’una, con le mani allargatele in modo da creare un incavo al centro e lasciare tutto attorno un bordo alto. Lasciate riposare le pizzette coperte per una decina di minuti. Friggete come sopra, quindi disponete le pizzette su una teglia rivestita di carta forno, distribuiteci sopra del sugo di pomodoro, della mozzarella tagliata a dadini e se volete dell’origano. Passate le pizzette per 5 minuti sotto il grill del forno in modo che la mozzarella si fonda. Naturalmente le dosi degli ingredienti possono essere dimezzate secondo le proprie esigenze, e si può omettere l’olio nell’impasto. Buon appetito!
  8. DSC_0508 (2)

DSC_0523

Annalisa

martedì 12 agosto 2014

Faux Ice-Cream Cupcakes

 

DSC_0009

DSC_0005

Ho voluto chiudere una cena tra amici con queste deliziose cupcakes. Il titolo significa esattamente “finto gelato”, ed è questo quello che ho voluto riprodurre. Il delicato cuore di fudge al cioccolato fondente e il fresco topping di panna aromatizzata al caffè infatti non avevano nulla da invidiare ad un gelato vero e proprio. La ricetta la trovate in questo post, il mio consiglio è di mettere le cupcakes in frigorifero almeno per 1 ora prima di servirle. Per la decorazione ho usato una sac-a-poche munita di beccuccio a stella aperta, ho fatto colare il fudge sopra e ho finito con delle praline al cioccolato. Infine auguro a tutti voi buone vacanze, vi lascio una foto della “mia” spiaggia che ho la fortuna di avere sotto casa! Buon appetito e buone vacanze a tutti!

P1000829 

Annalisa

martedì 5 agosto 2014

Pull Apart Bread

 

DSC_0615

DSC_0617

 

Dopo il successo del “ Pepperoni pizza pull apart bread”, ho pensato “provaci ancora Annalisa!”. Così, eccomi qua con questa versione dei panini all’ olio di Vittorio di Vivalafocaccia. Dopo aver fatto lievitare l’impasto, stendetelo in una sfoglia dalla forma rettangolare alta circa 1 cm, spennellatelo leggermente di olio d’oliva e dividetelo in 4 strisce di uguale misura. Sovrapponete le strisce e dividetele in rettangoli per il senso della larghezza, sistematele in uno stampo per plumcake e lasciatele lievitare per almeno un’altra mezz’ora o fino al raddoppio del volume. Infornate nel forno preriscaldato a 220-230°C per circa 30 minuti, sfornate il pane, sformatelo e fatelo raffreddare su una gratella. Se durante la cottura il pane dovesse colorire troppo in superficie, copritelo con un foglio di carta alluminio. Se volete vedere i miei panini all’olio, li trovate in questo post. La ricetta dell’ impasto la trovate qua. Un’ ultima cosa prima di lasciarvi, so che molti di voi stanno per partire per le vacanze, e io approfitto di questo blog per raccomandare a tutti di non abbandonare i nostri amici, chi ama gli animali come me sa cosa intendo, loro non chiedono niente in cambio dell’ immenso amore che ci danno. Vi lascio la foto di Pimpa, l’ ultima arrivata nella nostra famiglia, abbandonata 2 anni fa lungo la strada di casa mia, se ne stava in un angolino con discrezione e dignità, forse sperando che qualcuno si accorgesse di lei. Vi salutano anche Chocolate e Milky due dei miei 4 adorati mici e… Buon appetito!

DSCN1346

DSC_0362

DSC_0386

Annalisa